Gen 212014
 

L’educazione musicale del bambino per lo sviluppo del cervello

Anche a Prato i corsi di musica secondo la Music Learning Theory di EE Gordon

 Prima lezione gratuita , ogni giovedì a partire dalle ore 17

Centro studi matermundi, via degli Abatoni 11/11, Prato

www.matermundi.it      www.audiationinstitute.org

Corsi informali di musica per bambini a Prato. Music Learning Theory di EE Gordon

Un numero sempre maggiore di studi scientifici suggerisce che la formazione musicale, specie se iniziata prima dell’età di sette anni, possieda un importante effetto sullo sviluppo del cervello. Un recente studio pubblicato sul Journal of Neuroscience da ricercatori americani della Concordia University, ha in particolare dimostrato che coloro che hanno iniziato presto un percorso di educazione musicale possiedono più forti connessioni tra i neuroni, in particolare nelle parti del cervello che aiutano pianificare e eseguire movimenti.

A Prato la dott.ssa Claudia Ravaldi, medico psicoterapeuta e psichiatra, ha fondato e dirige il Centro Studi della Associazione matermundi, per una femminilità consapevole ed il benessere di donna e bambino (www.matermundi.it), presso cui ci si occupa anche di educazione musicale nell’infanzia. Spiega Claudia Ravaldi: “i primi tre anni di vita di un bambino sono cruciali per lo sviluppo del cervello. Mentre alla nascita il cervello possiede solo il 25 per cento del peso che avrà durante la vita adulta, a partire dai 3 anni inizia a crescere drammaticamente e costruisce le sinapsi, cioè quei percorsi e quelle connessioni tra le sue numerose cellule che saranno fondamentali per un suo corretto funzionamento.” E sono proprio le più moderne ricerche di neuroscienze a sottolineare l’importante ruolo della musica in questa fase “le sinapsi utilizzate per la musica sono simili a quelle utilizzate per il ragionamento spaziale e temporale, e sono necessarie per svolgere le medesime competenze che i bambini useranno per la matematica, le scienze e anche l’apprendimento delle lingue. Acquisire una competenza musicale in questa fase della vita può in un certo senso ‘accendere’ le sinapsi”.

Claudia Ravaldi. Medico psicoterapeuta e psichiatra

Recenti studi condotti presso il Music Learning Center dell’Università del Texas a Austin, mostrano infatti che già i neonati possono categorizzare gli stimoli uditivi, riconoscendo ad esempio che due o più stimoli sono diversi. I bambini già a sette mesi sono in grado di discriminare il timbro dei suoni e di riconoscere una melodia quando suonata su un unico strumento. “Il canto è un modo ideale per promuovere lo sviluppo del linguaggio” spiega ancora la dott.ssa Ravaldi “ed è noto che l’esplorazione delle parole e delle rime attraverso una melodia familiare migliora la memoria. Il cervello di un bambino non è completamente sviluppato alla nascita, ha bisogno di input sensoriali adeguati per sviluppare neuroni e costruire i collegamenti tra le cellule. La musica fornisce un mezzo di stimolazione uditiva che può veicolare al contempo anche altri concetti educativi, come il linguaggio, che si svilupperanno meglio in seguito, quando il bambino acquisirà le adeguate competenze cognitive.”

Centro studi matermundi

In particolare il Centro Studi matermundi ha scelto di promuovere la realizzazione di corsi di musica basati sulla Music Learning Theory del prof. Edwin E. Gordon. I corsi sono tenuti da Stefano Cheli, insegnante certificato presso l’Audiation Institute, che spiega così il pensiero di Gordon “Il nostro obiettivo è favorire la crescita di persone capaci di ascoltare e capire la musica, di comunicare musicalmente, di fare musica nelle loro famiglie, con i loro amici e di improvvisare. Le nostre lezioni sono percorsi che si svolgono in un’atmosfera informale, che permette ai bambini di rispondere in modo spontaneo e naturale alle proposte musicali.”

Ovviamente per proporre questo genere di approcci alla musica non ci si può improvvisare. “I corsi sono tenuti in tutta Italia da insegnanti che hanno seguito un percorso formativo specifico” spiega Cheli “e che proseguono la specializzazione e l’aggiornamento attraverso eventi periodici di formazione continuativa, come ad esempio quelli condotti in Italia dall’Audiation Institute.”

 

Presso il Centro Studi matermundi si svolgono il giovedì pomeriggio

a partire dalle ore 17, lezioni di avvicinamento alla

Music Learning Theory, per bambini da 0 a 6 anni.

Prima lezione gratuita, prenotazione obbligatoria.

Tutte le informazioni nella pagina corsi di musica a Prato

E’ possibile partecipare alla prima lezione di prova senza alcun impegno, prenotandosi al numero 3473099148 o per email a musica@matermundi.it

 c/o sede Associazione CiaoLapo Onlus

Centro studi matermundi, via degli Abatoni 11/11, Prato

CiaoLapo e matermundi su FourSquare

Per informazioni sui corsi, sugli insegnanti, sulla Music Learning Theory e sulla educazione musicale è possibile consultare i siti:

www.matermundi.it

www.audiationinstitute.org

http://stefanocheli.blogspot.it

www.facebook.com/centrostudimatermundi